FEDERAZIONE ASSOCIAZIONI SARDE IN ITALIA Via delle Piazze 20 – 35122 PADOVA comunicato stampa Quale "Continuità territoriale"? Il rischio di un salto nel buio! Aprire una vertenza con l’Europa per ottimizzare costi e benefici, senza ledere il diritto dei Sardi alla mobilità. Dopo proroghe reiterate, la Regione Sardegna ha ritirato il bando della "Continuità territoriale 2" e non ha ancora negoziato, né costruito con l’Europa una proposta alternativa. L’unica continuità territoriale aerea è quella che unisce gli aeroporti sardi con Milano e Roma. Le altre rotte rimarrebbero principalmente in mano alle compagnie low cost, vista la grave situazione di Meridiana. In pratica, se si vive in zone dell’Italia distanti 200-300 km da Roma o da Milano, ci si deve affidare all’offerta, basata sulla concorrenza, del "libero mercato", ove non vige obbligo di garanzia dei voli, e che è veramente "libero" (cioè non calmierato) per quanto riguarda le tariffe. Ecco quindi lo scenario che si presenta dal mese di ottobre 2014: cancellazione stagionale di alcune rotte e diminuzione drastica della frequenza dei voli, con il risultato che le libere tariffe, già a distanza di 10-15 giorni dalla data di partenza, risultano spesso elevate, e diventano poi proibitive la settimana prima. Libero mercato quindi per le Compagnie, gioco d’azzardo per i passeggeri! Occorre fare una distinzione fra il diritto sacrosanto dei Sardi alla mobilità e la necessità e possibilità di uno sviluppo del mercato turistico sardo nell’Italia continentale e in Europa, sviluppo creato da un’incentivazione delle rotte low cost. La radicale riduzione della continuità reca indubbiamente un danno a una grande parte degli emigrati e alle loro famiglie, all’economia e agli operatori economici della Sardegna (basti il solo esempio delle relazioni con Verona: Fiera marmo e graniti / Fiera Cavalli / Vinitaly / Mercato Ortofrutticolo, ecc.). Inoltre, questa riduzione della continuità causa particolari difficoltà alla categoria, particolarmente numerosa, degli studenti sardi iscritti alle università del continente (Torino / Firenze / Pisa / Siena / Bologna / Padova / Trento) lontane da Roma e Milano. Le contestazioni che l’Europa ha avanzato riguardo alla "Continuità 2" andrebbero quindi analizzate così da controbattere e riformulare la proposta al fine di: garantire la continuità giornaliera di copertura per le zone lontane da Roma e Milano, magari prevedendo i voli dai vari aeroporti alternativamente in giorni diversi (es: Bologna o Firenze, Venezia o Treviso, Genova o Torino); porre un tetto massimo alle tariffe. L’internazionalizzazione, quale investimento turistico aggiuntivo o integrativo, non deve cancellare il concetto della continuità, riconosciuto dall’Europa nei trattati a livello di principio (come conseguenza dello svantaggio dell’insularità), ma semmai occorre che lo stesso venga esplicitamente salvaguardato e rafforzato con una legge nazionale. Occorre quindi creare un sistema misto che garantisca il diritto alla mobilità e lo sviluppo turistico, ridisegnando le rotte e razionalizzando le spese. Gli uffici tecnici riusciranno sicuramente a riscrivere le regole nel rispetto delle osservazioni della Unione Europea, ma anche garantendo i diritti della Sardegna ad avere un "ponte" sul mare, accessibile a tutti e operativo per 365 giorni l’anno. I collegamenti della Sardegna con l’Italia continentale sono una necessità imprescindibile, se vogliamo continuare a parlare di comunità nazionale, e sono ancor più oggi da difendere in presenza della crisi di Meridiana, compagnia che storicamente ha avuto una funzione rilevante per l’immagine e lo sviluppo turistico della Sardegna. La crisi di Meridiana è la crisi di un’azienda sarda che dà occupazione a molti lavoratori e a loro va tutta la nostra solidarietà! A Meridiana si deve guardare con una scelta strategica con un progetto che veda la partecipazione della Regione che concorra a riorganizzare un grande patrimonio umano, professionale ed economico al servizio dell’isola. Padova, 6 novembre 2014 Il Presidente della FASI Serafina MASCIA
Circolo Sardegna 2019
Circolo Culturale RicreativoSARDEGNA” Sardi di Como
Comunicato stampa